PRECISAZIONI Manchester, «Questa donna vi ha chiesto l’amicizia? Chiamate subito la polizia» – bufale.net

0
2031
http://www.bufale.net/home/wp-admin/options-general.php?page=ad-inserter.php#tab-11

Ci segnalano i nostri contatti il seguente articolo, targato il Messaggero:

«Attenzione: se questa ragazza tenta di contattarvi sui social, evitatela. Oppure segnalatela alla polizia». Tutto era iniziato con una richiesta di amicizia su Facebook, una chat e la nascita di una relazione a distanza. Ma la storia di Facebook ha avuto un fine tutt’altro che lieto: la donna è una truffatrice, che è riuscita a scucire a un 43enne di Manchester circa 230mila euro.

La relazione virtuale tra i due è andata avanti per un discreto periodo di tempo, e la donna, che sosteneva di risiedere in Sudafrica, diceva di essere pronta a qualcosa di più profondo e allo stesso tempo lamentava problemi economici, così l’uomo ha cominciato a mandarle denaro tramite bonifico. Ma una volta ricevuti i soldi, della ragazza non si è saputo più nulla, e di sé ha fatto perdere ogni traccia. La polizia di Manchester ha ora aperto un’inchiesta per rintracciarla, e scoperto che il 43enne non è l’unica vittima di colei che si fa chiamare con tre nomi diversi: Christy Dunn, Martha Cameron o Miranda Stinson.

L’ipotesi è che la donna faccia parte di una rete di truffatori online.

La notizia è confermata: effettivamente il commissariato di Avon e Somerset conferma una segnalazione inoltrata tramite la trasmissione BBC “Crimewatch” e relativa ad un influsso di Romance Scam legato ad uno stesso account con una sola foto profilo ma tre nomi diversi.

Il che non significa indulgere in automatico allarmismo, attenzione.

Abbiamo già parlato, quando in Italia il tema della romance scam è stato riacceso da personaggi pubblici che hanno denunciato il fenomeno, di come il romance scam, la “truffa dell’amore” sia un particolare tipo di Scam 419 o “alla nigeriana” (dal numero dell’articolo del Codice Penale che sanziona le truffe online).

È sostanzialmente una variante di un tipo di truffa che conoscerete bene: nel modello “base” un soggetto si finge l’avvocato di un deposto capo di stato o di una famiglia benestante che richiede partecipazione economica per un’operazione di estrazione del patrimonio del suo assistito bloccato a causa di conflitti etnici o politici.

Nel modello in esame in questo caso invece il soggetto si finge una donna piacente e disinibita, ovvero una gazzella ferita (una donna dolce, affettuosa e in stato di bisogno economico e necessitante di aiuto per far fronte a malattie e povertà) per suscitare l’interesse del lettore ed ottenere da lui attenzioni e, spesso, dazioni economiche.

In ogni caso, ottenute prove della “scappatella virtuale” la sedicente truffatrice ricatterà invariabilmente la sua vittima minacciando di diffondere le informazioni ottenute a tutti i contatti della stessa, compresi datori di lavoro, compagne e famiglia.

Avrete notato che abbiamo usato il termine “sedicente”: per lo stesso motivo per cui non possiamo essere affatto certi che il nome della truffatrice sia reale (la stessa polizia inglese conta tre alias diversi al nome) non possiamo essere sicuri delle sue fattezze.

La foto potrebbe essere prelevata da una raccolta di immagini, rubata ad una sconosciuta, e non corrispondere a nessuna donna in particolare.

La “voce femminile con accento americana” citata potrebbere fare capo a chiunque e qualunque cosa, comprese attrici pagate da uno o più truffatori, nastri registrati, o persino voci camuffate ad arte.

Non c’è modo di sapere chi ci sia dietro una richiesta truffaldina.

Possiamo, volendo difenderci, ricordare però i consigli nella nostra guida:

Lo scammer, comunque, potrete riconoscerlo da tipici segni distintivi:

  1. Lo scammer solitamente ha una conoscenza stentata dell’Italiano: la lingua madre dello Scammer è il francese (diffusissimo in Nigeria e nei paesi post-coloniali) o l’inglese, e ricorrerà a sistemi di traduzione automatica oppure reminescenze scolastiche. Specie nel caso in cui lo scammer fingerà di essere un soggetto di elevata cultura o con disponibilità di accedere a servizi di traduzione professionali (un nobile locale o uno del suo ufficio legale) il risultato sarà grottesco. Nel caso poi lo scammer si finga Italiano, la sua incapacità di parlare Italiano ed il ricorso a frasi francesi e inglesi lo tradirà. Anche in casi come questo, in cui lo scammer si presenta con una bella voce femminile ed impostata, il suo accento la tradirà, portando ad una presunta Londinese con contatti nelle isole tropicali ad avere un marcato accento americano.
  2. Lo scammer ricorre a strutture sempre uguali: come per le bufale, basterà cercare il testo della mail tipica di scam su Internet per trovare decine di suoi cloni
  3. Lo scammer non ha accesso a conti correnti: chiederà di poter usare servizi di trasferimento monetario come Western Union o MoneyTransfer, se non, recentemente, Carte Prepagate, Bitcoin e simili
  4. Lo scammer non esiste: ricorrerà sempre ad identità evidentemente finte, rifiutando di fornire ogni dettaglio utile all’identificazione, ma contemporaneamente chiedendovi più volte dettagli personali da usare nelle sue frodi. Cercare il nome dello scammer sugli elenchi pubblici (Pagine Bianche o equivalenti locali) non restituirà mai alcun risultato.
  5. Lo scammer cercherà di suscitare pietà o interesse: lo scammer nobile racconterà sempre tristi storie di bisogno e decadenza, il romance scam farà del suo meglio per apparire come una ragazza bisognosa e romantica, oppure erotica e seducente: scopo dello Scammer è giocare con le vostre emozioni per spillarvi quattrini o potervi ricattare.

Non basta quindi aver identificato una singola foto: per gli scammer le foto sono un orpello come un altro. Scoperti, cambieranno immagine o attrice, e ricominceranno il ciclo.

Nel caso abbiate ceduto ad uno scammer, contattate immediatamente le autorità: purtroppo recuperare fondi ceduti mediante Money Transfer o carte prepagate diventa estrememante difficile, ma quantomeno eviterete le maggiori e più gravi conseguenze dell’aver fornito i vostri dati, che lo scammer potrebbe usare per compiere reati in madre patria.