NOTIZIA VERA Se ti arriva un messaggio che dice “Prova i nuovi colori di WhatsApp”: non cliccare – bufale.net

0
8153
http://www.bufale.net/home/wp-admin/options-general.php?page=ad-inserter.php#tab-11

Ci segnalano i nostri contatti il seguente messaggio virale pervenutogli su WhatsApp

Ciao, ATTENZIONE: se ti arriva un messaggio da uno dei tuoi contatti, inclusa me, di WhatsApp che dice che puoi modificare WhatsApp con nuovi colori per personalizzare le conversazioni e ti dice di cliccare su un link, NON LO FARE (il messaggio dice “Prova i nuovi colori di WhatsApp”). È UN VIRUS MALEVOLO CHE GIRA E ATTIVA SERVIZI A PAGAMENTO e non il messaggio di un tuo amico o una tua amica. Fai girare la notizia tra i tuoi amici (è stato pubblicato oggi 18 maggio 2017 su Repubblica). Buona giornata

E questa volta, il messaggio corrisponde al vero.

Effettivamente, La Repubblica ha pubblicato (oggi ma non ieri però) un lungo articolo per mettere in guardia gli utenti di WhatsApp dall’ultimo caso di phishing, quel particolare tipo di truffa in cui un virus (quindi un programma automatico) o un truffatore fisico inviano link che dichiarano essere inviati da WhatsApp, Facebook o altri gestori ed in realtà nella migliore delle ipotesi contengono materiale pubblicitario e nella peggiore veri e propri virus o iscrizioni automatiche a servizi a pagamento.

Non è la prima volta che WhatsApp ne è vittima, e riteniamo non sarà l’ultima.

Quello che però dovreste fare è diffondere direttamente l’articolo di La Repubblica, e non cercare di farne un riassuntino ipersemplificato a mezzo Catena di S. Antonio.

Come abbiamo visto, per quanto le vostre intenzioni siano pure, le Catene di S. Antonio non fanno altro che generare caos e confusione, danneggiando la credibilità della notizia che volevate divulgare se vera, prestando il fianco a distorsioni ed alterazioni in ogni caso.

La stampa, ovvero l'”informazione ufficiale”, ovvero l’unica vera informazione (la “controinformazione” è infatti fucina di viralità e bufale) non è vostra nemica.

Avete il link all’articolo de La Repubblica, che è ben scritto e tecnico quanto basta per spiegare ogni dettaglio: diffondete quello e smettetela con le Catene di S. Antonio arrangiate.