NOTIZIA VERA Il cane fa pipì in strada? Scatta la multa da 160 euro, ora c’è anche il penale: è reato

0
2878

Io vivo a Roma riporta:

Batosta per i proprietari di cani. Arriva la multa da 157 euro per un comportamento considerato “normale” ed abituale dalla maggior parte degli amici a quattro zampe che pure rientra tra le fattispecie del codice Penale a tutti gli effetti.

La notizia – riportata dal portale StudioCataldi – si riferisce ad un episodio di cronaca verificatosi in provincia di Verona che ha mandato su tutte le furie gli animalisti.

Protagonista dell’accaduto è stato un 44enne di Torre del Benaco (in provincia di Verona) ritenuto colpevole di non aver pulito la sede stradale dopo che i suoi due cani avevano urinato su un cestino situato nei pressi di un ristorante. Ad infliggere la sanzione la polizia municipale per il mancato rispetto dell’ordinanza che tra i divieti e obblighi nel centro storico prevede che l’urina degli animali vada subito pulita con acqua, pena la sanzione pecuniaria amministrativa.

Secondo l’Aidaa (Associazione Italiana difesa animali e ambiente) riportate dal sito StudioCataldi, si tratta senz’altro della “prima multa per non aver raccolto la pipì del cane”. Una multa che va “oltre il ridicolo – afferma il presidente Lorenzo Croce ad Adnkronos appellandosi – al buon senso del prefetto perché faccia recedere il sindaco da tali assurde ordinanze una volta per tutte”.
“Se non ci fosse una persona che deve pagare quasi 160 euro di multa direi che tutto potrebbe concludersi con una grassa risata – ha concluso sulle pagine online del sito che si occupa di Diritto – assicurando che l’associazione “non lascerà passare inosservata questa follia amministrativa, se del caso ricorrendo al presidente della Repubblica”.

COSA DICE LA LEGGE – In ogni caso, il comune veronese non è il solo ad aver preso provvedimenti contro gli escrementi degli amici a quattro zampe e le ordinanze ad hoc che impongono l’obbligo di “lavare via la pipì”, pena sanzioni tutt’altro che indifferenti, fioccano un po’ dappertutto.

E’ REATO – Non solo. La condotta, si ricorda, potrebbe anche integrare una vera e propria responsabilità penale. Consentire infatti al proprio cane di fare pipì, ad esempio, sulle macchine o sulle pareti degli edifici potrebbe integrare il reato di imbrattamento sanzionato dall’art. 639 del codice penale.

La norma punisce difatti chiunque deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui con la multa fino a 103 euro, elevata a un importo compreso tra 300 e 1.000 euro se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati e, addirittura sino a 3mila euro, affiancato dalla reclusione da tre mesi a un anno, se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico.

Visto che, chi possiede un cane, sa che non sempre per Fido è possibile attendere un posto consono dove fare i bisogni, un utile rimedio, per evitare conseguenze amministrative e penali, è quello di portare con sé una bottiglietta d’acqua per ripulire.

Per una recente sentenza della Cassazione (Cass. n. 7082/2015), tale comportamento, rappresenta un segno evidente della volontà di minimizzare i danni.

con la quale è stata confermata l’assoluzione di un uomo dal reato di imbrattamento perché era dotato di una bottiglietta d’acqua. Leggi: “La Cassazione detta le regole per i bisogni dei cani”).

L’articolo dello Studio Cataldi è questo: Cane fa pipì in strada, multa da 157 euro, e riporta le stesse informazioni. Già La Zampa, canale de La Stampa dedicato agli animali, nel 2015 riportava in Cassazione: pipì di cane su muri e auto, la bottiglietta d’acqua evita la condanna:

La Cassazione detta il vademecum del buon padrone a passeggio con il cane. Quando si è per strada, avverte la Suprema Corte, è bene tenere il proprio animale «al guinzaglio» o comunque «intervenire con atteggiamenti tali da farlo desistere quantomeno nell’ immediato» dal fare i bisognini sui muri di affaccio degli stabili o sui mezzi parcheggiati. Nell’impossibilità di vietare al cane di fare pipì è bene portarsi dietro una bottiglietta d’acqua per ripulire.

Del fatto in questione citato, invece, ne parla ad esempio Il Corriere della Sera, che già nel 2016 aveva approfondito il discorso in «Pipì vietata ai cani, va raccolta» Bufera sul divieto di Torri del Benaco – Il sindaco dichiara guerra ai quattro zampe: «Fuori da aiuole, parchi e giardini». A Torri del Benaco, luogo della vicenda, già dal 2016 era attiva l’ordinanza divulgata inoltre con una serie di cartelli disposti sul suolo pubblico, che però si accompagna a tappeti verdi appositamente realizzati per i bisogni dei propri animali. In ogni caso, come ricordava appunto la Cassazione, ripulire immediatamente l’urina del proprio cane con un po’ d’acqua evita la sanzione e la responsabilità penale.