GUIDA UTILE Chi c’è dietro VoxNews, Tuttiicriminidegliimmigrati, Identità e Resistenza Nazionale – Bufale.net

0
5375

guida-utile-chi-c-e-dietro-voxnews-resistenza-nazionale

Qualche giorno fa ho depositato una denuncia contro il gestore e contro tutti coloro che operano assieme a lui nella gestione dei siti Resistenzanazionale.com, Identità.com, Tuttiicriminidegliimmigrati.com, Voxnews.info e dei relativi canali Social (Facebook, Twitter e Youtube).

Ho aspettato qualche giorno per pubblicare questa guida utile, notando le solite accuse relative alla presunta “censura” o “bavaglio” contro una “voce libera”, contro “chi fa informazione” e che l’opera di denuncia contro questi siti sia contraria alla libertà di espressione e che va contro la Costituzione. La Costituzione parla chiaro e non bisogna leggerla solo dove conviene.

La Costituzione italiana protegge la libertà di manifestazione del pensiero, una libertà senz’altro fondamentale, ma questa ha dei limiti posti al fine di tutelare la sicurezza pubblica. Altrimenti ci ritroveremo davanti un Paese senza freni, laddove la diffamazione, ponendo un esempio “banale”, diventerebbe “legale”.

Questa “Guida utile” serve non solo per spiegare il perché della denuncia, ma per cercare di far capire a chi segue o meno questi Siti web e i relativi canali Social quali ideologie vengono portate avanti.

La ricerca completa, iniziata nel 2014 e consegnata a Bologna alle autorità competenti il 2 ottobre 2015, è composta da 150 pagine e si riferiscono alle attività online svolte dal proprietario di questi siti dal 2006 ad oggi. In questa “Guida utile” vi forniremo una sintesi (si fa per dire), suddivisa nei seguenti capitoli:

L’anonimato e la gaffe da cui iniziò la ricerca

Tutti i domini citati nella denuncia hanno il servizio di anonimato. Ad esempio, il dominio Voxnews è un classico .info, il quale permette a chi lo acquista di usufruire dell’anonimato tramite l’oscuramento dei dati che normalmente possono essere recuperati tramite il protocollo di rete Whois. Ecco il risultato dell’interrogazione in data 31 agosto 2015:

attuale-whois-VoxNews

Il proprietario del sito è sempre stato attento a nascondere la sua identità. Quando ricevette una lettera dall’Unar, l’ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, pubblicò il 19 settembre 2014 l’articolo intitolato “Governo minaccia Vox: non parlate male degli stupratori – Leggi lettera“. La lettera era ben leggibile, ma il nome e cognome del destinatario risultano ben oscurati.

lettera-unar-vox
L’articolo di Vox in merito alla lettera dell’Unar. Dati personali debitamente oscurati.

Un giorno venne pubblicato un commento sulla nostra pagina Facebook da un utente appena creato che si faceva chiamare “Gianni Togno“. Al suo commento, negativo nei nostri confronti, avevano fatto solo 3 “mi piace”: uno dello stesso “Gianni Togno“, uno di “Gio Togni” e l’ultimo di “Gianni Togni” (account disabilitato o bloccati da un paio di settimane). Un utente se ne rese conto e pubblicò questa immagine come commento di risposta a quello di “Gianni Togno“:

i-mi-piace-fake
I 3 “Gianni”

Il commento venne rimosso dallo stesso Gianni Togno in seguito alla pubblicazione dell’immagine. Attualmente il suo account Facebook non esiste più.

I due account “Gio Togni” e “Gianni Togni” sono collegati al movimento chiamato “Resistenza Nazionale“:

Gio-Gianni-Togni
Nota: “Gio Togni” è indicato come “Fondatore” di Resistenza Nazionale

I legami tra i siti denunciati

Esiste un collegamento tra VoxNews e “Resistenza Nazionale”. In questo screen, scattato l’11 aprile 2015, notiamo a quale pagina Facebook il popup del sito invitava a fare “mi piace”: proprio quella di “Resistenza Nazionale” (https://www.facebook.com/ResistenzaIdentitaria).

il_like_voxnews_resistenza

Andando ad interrogare il Whois del sito Resistenzanazionale.com notiamo che anch’esso è protetto dal sistema di privacy utilizzato anche per il dominio VoxNews.info, ma non è sempre stato così. Dall’interrogazione registrata in data aprile 2014 i dati relativi al proprietario sono in chiaro e con un particolare che vedremo in seguito:

resistenzanazionale

I dati presenti riportano come proprietario un tale “Gio Gianni“, un “nickname” piuttosto che un nome e cognome verificabile.

Cercando online “Gianni Togni Resistenza Nazionale” troviamo facilmente l’account YoutubeGiovanniIT19.

gianni-togni-youtube

All’interno dell’account Youtube di “Gianni Togni”, a parte la grafica palesemente legata a Resistenza Nazionale, ci sono ulteriori elementi di collegamento. Il link all’account Facebook del canale è “Resistenzaidentitaria“, mentre il link all’account Twitter rimanda al profilo @CriminImmigrati, quello di Tuttiicriminidegliimmigrati.com.

Esiste anche una seconda pagina di “Resistenza Nazionale” (iResistenza) nella quale è presente un chiaro riferimento a “Tutti i crimini degli immigrati”.

resistenza-nazionale-iresistenza-facebook

Un’altra pagina, sempre collegata a Resistenza Nazionale e Tuttiicriminidegliimmigrati, è quella chiamata “Fuori tutti gli immigrati dall’Italia“:

fuori-tutti-gli-immigrati-dall-italia-facebook

Dall’interrogazione registrata in data aprile 2014 del sito Resistenzanazionale.com l’indirizzo email utilizzato per la registrazione del dominio è [email protected] (nota: il 19 finale è presente anche nell’account Youtube GianniIT19 e altri collegamenti che illustreremo nei capitoli seguenti di questo articolo). Non solo per il dominio Resistenzanazionale.com, ma anche per il dominio tuttiicriminidegliimmigrati.info (da non confondere, al momento, con il più conosciuto .com).

email-registrazione-resistenzanazionale-tuttiicriminideglimmigrati

Visitando il sito Tuttiicriminidegliimmigrati.info notiamo che la grafica usata è la stessa di VoxNews, ma non solo. Nella colonna in alto a destra troviamo un’immagine linkata con il simbolo del meteo, linkato all’indirizzo “http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/ilmeteo/“, ossia il più conosciuto sito con il dominio “.com”, e l’immagine tratta da Resistenzanazionale.com (“http://resistenzanazionale.com/meteo.png”).

tuttiicriminidegliimmigrati-info-link-com-resistenzanazionale

Dall’altra parte, in alto nella colonna sinistra, troviamo un’immagine con la scritta “No all’Italia multietnica” che rimanda ad un post della pagina Facebook di “Resistenza Nazionale“.

tuttiicriminidegliimmigrati-info-link-facebook-resistenzanazionale

Ecco il contenuto del post linkato nell’immagine del sito:

post-resistenzanazionale-tbc

In un articolo del 20 febbraio 2012, dal titolo “Partito Democratico: proibito manifestare contro tutti gli stupri degli immigrati“, notiamo un errore nella programmazione degli shortcode di WordPress che ci permette di visualizzare alcuni dati che vedremo in seguito:

Partito-Democratico--proibito-manifestare-contro-gli-stupri-degli-immigrati

L’immigrazione porta violenza. Gli immigrati sono i protagonisti dell’escalation di stupri degli ultimi anni; la correlazione tra immigrazione e violenza sessuale è nei numeri[nbnote ]http://identità.com/blog/2012/01/19/immigrati-e-stupri-grafico/[/nbnote][nbnote ]https://www.facebook.com/PROTESILAO?sk=wall#!/note.php?note_id=188701014516115[/nbnote] ed è inequivocabile. Nessuno può smentirla.

Il link messo in chiaro “https://www.facebook.com/PROTESILAO?sk=wall#!/note.php?note_id=188701014516115” rimanda ad un post Facebook della pagina di Resistenza Nazionale.

Il collegamento tra Voxnews e Tuttiicriminidegliimmigrati non è banale, l’elemento che tradisce “Gianni” è il footer dei due siti, dove compare la scritta “By IdentiMedia”. Ad evidenziarlo sono i ragazzi della pagina Facebook “Corrente Contro” in un loro video del 24 agosto 2015, dove al minuto 3:34 trattano l’argomento Voxnews e Tuttiicriminidegliimmigrati.

identimedia

Due, invece, sono gli elementi di legame tra il sito Tuttiicriminidegliimmigrati.com e “Resistenza Nazionale”. Il primo è l’immagine della mano usata da entrambi e in varie occasioni:

mano-resistenza-nazionale

Qualcuno potrebbe dire che si tratta di un’immagine abbastanza comune e acquistabile online da uno dei tanti siti di vendita di immagini professionali, ma è stato un primo indizio visivo che ha portato al secondo più tecnico.

Il secondo legame è più tecnico e si tratta dello stesso legame che c’è tra VoxNews e “Resistenza Nazionale” precedentemente citato: il tasto “mi piace” alla pagina Facebook “Resistenzaidentitaria”. In questo caso sul sito Tuttiicriminidegliimmigrati.com è nascosto sotto il tasto Twitter:

tuttiicriminidegliimmigrati-like-facebook-resistenzaidentitaria

Troviamo un account su Oknotizie.virgilio.it di nome Protesilao, il quale diffonde gli articoli di VoxNews.info, Tuttiicriminidegliimmigrati.com, Identità.com e Resistenzanazionale.com:

protesilao-virgilio-oknotizie

Già nel 2012 venivano segnalati i legami tra Protesilao ed il sito Tuttiicrimimidegliimmigrati.com:

Da parte nostra chiediamo solo questo: azioni contro la propaganda razzista, quando diventa pericolosa per le minoranze e insinua pregiudizi nelle cittadinanze. E’ attorno a questo genere di gruppi che si affermano i preconcetti, l’ostilità e la violenza etnica. E’ a questa mancanza di volontà di contrastare l’odio per il diverso che si debbono attribuire le colpe di tanta intolleranza e violenza nei confronti dei gruppi sociali emarginati. E’ a queste operazioni diseducative che si deve attribuire la non-conoscenza delle problematiche umanitarie anche da parte delle forze dell’ordine, dei politici, dei giudici. Odio semina odio fino a infettare l’intera società. Instancabilmente noi denunciamo la propaganda razzista, identificandola come un male grandissimo che affligge la nostra società. Qui di seguito, i link alla pagina Facebook e al sito internet.

http://tuttiicriminidegliimmigrati.com
http://www.facebook.com/PROTESILAO

Dopo la pubblicazione di questo appello nella pagina Facebook di Roberto Malini, il gruppo anti-immigrati ha pubblicato un intervento:

http://identità.com/blog/2012/11/21/xenofili-in-crisi-di-nervi-chiudere-tuttiicriminidegliimmigrati-com-e-la-pagina-resistenza-nazionale/

Questo significa che tengono sotto controllo anche le nostre pagine personali. Gli abbiamo risposto con le sole parole civili adeguate: “La tecnica degli intolleranti è sempre la stessa: creare odio e violenza e trincerarsi dietro la “libertà di espressione”. Eh no, la libertà finisce dove si ledono i diritti fondamentali degli altri. Libertà è una garanzia, mentre trasfomare esseri umani in bersagli è negazione del bene della libertà”.

Inoltre su Web Archive è stato registrato, il 2 gennaio del 2012, il contenuto di una cartella presente sul sito Resistenzanazionale.com: www.resistenzanazionale.com/tuttiicriminidegliimmigrati/wordpress. Eccone il contenuto:

tuttiicriminidegliimmigrati-resistenzanazionale-wordpress-2012

Lo stesso sfondo del sito Tuttiicriminidegliimmigrati.com, dominio registrato il 15 gennaio 2012 (pochi giorni dopo). Ecco come appariva lo sfondo del sito Tuttiicriminidegliimmigrati.com il 19 gennaio 2012:

tuttiicriminidegliimmigrati-2012

La “culla” del sito, ed evidentemente ambiente di test, è stato Resistenzanazionale.com.

Dall’account Youtube di “Gianni Togni” si può accedere al suo account Google+, apparentemente inutilizzato dal 2012. Al suo interno vengono diffusi vari articoli da vari siti, tra cui Tuttiicriminidegliimmigrati.com e Identità.com. In questo caso è molto semplice, infatti basta vedere quale pagina Facebook è collegata al sito Identità.com: Resistenza Nazionale.

identita-com

Non solo, all’interno del sito Identità.com c’è un articolo, pubblicato il 29 dicembre 2012, dal titolo “L’assurda censura targata Facebook“:

Due giorni il profilo Facebook Gianni Togni che viene utilizzato dalla Resistenza Nazionale come admin e collettore delle varie pagine della rete sul social network è stato “bloccato” dall’ufficio censura FB. Il blocco durerà ben 30 giorni, la motivazione è – testuale – avere pubblicato un post che viola le politiche di Facebook. Per essere esatti: una foto “proibita”.

L’autore degli articoli di Voxnews usa spesso termini legati ad Orwell:

Come all’orwellianoministero della verità” su FB, le immagini e parole scomode semplicemente “scompaiono”, vengono “rettificate” dagli “impiegati della verità” che le riformulano e le correggono in modo siano “politicamente accettabili”.

Il 2 agosto 2013 il sito Identità.com pubblica un articolo dal titolo “Resistenza Nazionale: verso la battaglia per l’Italia“, una specie di “chiamata alle armi”, di cui riportiamo di seguito una parte:

Se i nostri siti saranno il centro, voi dovrete essere i ‘guerriglieri’. Dipenderà da voi, quanto la propaganda potrà diffondersi.

Dovrete ‘razziare’ le notizie e i link che pubblichiamo sulla nostra pagina Facebook e sui nostri siti, e seminarle ovunque sul web: forum, siti, commenti nei giornali, social-network. Ovunque. Potrete anche stampare gli articoli e diffonderli su luoghi di lavoro, treni e ovunque vogliate. E’ il tempo della battaglia culturale per la salvezza dell’Italia. Le forze dell’entropia non devono passare.

Per rendervi partecipi della ‘battaglia culturale’, vogliamo condividere con voi i risultati fin qui ottenuti a livello mediatico. I nostri siti – questo incluso – raccolgono in media, ogni giorno, circa 70mila lettori unici. Le varie pagine Facebook e gli altri social network fanno altrettanto.
Una base di lancio mediatica ‘enorme’, viste le censure e l’assoluta mancanza di qualsiasi finanziamento esterno.
I siti sono stati tenuti ‘divisi’ per motivi di sicurezza, per non dare al Sistema un ‘unico’ obiettivo da colpire. Se fossero un unico sito, questo sarebbe tra i più letti d’Italia, quasi al livello di siti come quello di Grillo, per intenderci.

Non solo, diffondere. Sarà anche importante che ci inviate notizie e testimonianze da diffondere. E chi di voi si sente pronto, si faccia avanti per collaborare direttamente ai siti.

Se non volete rivedere la Kyenge – magari accompagnata da qualche altro ‘nuovo italiano’ – al governo, la guerra inizia ora. Dovremo essere feroci. Dovremo conquistarci sul web lo spazio che gli antirazzisti a cottimo detengono da anni. Già abbiamo fatto molto, con il vostro aiuto, possiamo fare molto di più. E’ in gioco il futuro di quella che chiamiamo ‘casa’.

Ai politici. I nostri siti sono pronti ad appoggiare candidati che siano contro l’immigrazione, contro la cittadinanza agli immigrati e contro leggi liberticide. Saremo implacabili verso chi ha cercato di mercanteggiare in questi mesi con Kyenge e compagnia.

In passato il sito Identità.com veniva evidenziato dallo stesso sito Voxnews:

Voxnews-identita

[next]