BUFALA Queste sono le due turiste americane che hanno accusato due dei nostri bravi ragazzi – bufale.net

0
7564

I viralizzatori, ne abbiamo parlato più volte, dinanzi alle tragedie tirano fuori il loro peggio. Burla mal riuscita? Calcolo? Captatio Benevolentiae nei confronti degli Indinniati, l’irritabile ed eccitabile Folla 2.0 che gli paga ogni spesa un click ed un commento indinnato ed indinniante alla volta?

Fattostà che davanti ad ogni notizia tragica non si fermano, e sono pronti a riciclare i loro canovacci

Queste sono le due turiste americane che hanno accusato due dei nostri bravi ragazzi in divisa di un crimine orrendo come lo stupro. Grazie Boldrini!

In questa bufala c’è di tutto. Inteso come tutto quello che dovrebbe spingervi a segnalare, bannare ed escludere per sempre non solo dalle vostre cerchie sociali, ma anche da ogni consesso civile le persone che hanno condiviso questo testo, marchiandoli a vita con un metaforico Marchio di Caino che impedisca loro di accostarsi al prossimo senza che questi provi una profonda repulsione fisica.

Sciovinismo, slut shaming, un po’ di machismo all’Italiana e quasi, oseremmo dire, una poetica D’Annunziana d’accatto della “donna vampiro” per cui le straniere sono tutte libertine e scandalose pronte ad attentare all’Italica virtù e, per finire, qualche insulto alla Boldrini perché intanto che i viralizzatori vogliono farsi querelare dalle studentesse (che, ricordiamo, hanno già un avvocato in Italia che si sta occupando della turpe vicenda) una bella denuncia della Boldrini li spingerà ai loro cinque minuti di “eroico coraggio” da “paladini della libertà di parola” seguiti da qualche settimana di imbarazzante pianto per le conseguenze della loro abiezione e… la solita massa di balle.

La foto è infatti presa da una serie di screenshot di un video del 2010 titolate How to nail any girl at any party, Come conquistare ogni ragazza in ogni festa e non ritrae in alcun modo le studentesse americane.

Probabilmente invece, ritrae il massimo dell’interazione sociale che chi vuole credere a queste bufale riuscirà mai ad ottenere.

Intendiamo: vedere delle donne in un video proiettato sul loro monitor, non frequentarle dal vivo durante delle feste.