BUFALA Gli immigrati del Centro Profughi di San Bernardo sul Brenta in rivolta! Condividi per far sapere chi sono – bufale.net

BUFALA Gli immigrati del Centro Profughi di San Bernardo sul Brenta in rivolta! Condividi per far sapere chi sono – bufale.net

A volte la mutazione di una bufala in bufala herpes è un processo imperscrutabile, e che dimostra come non esistano manovratori occulti, non esistano elite di potere che vogliono rendere il popolo furioso ed arrabbiato.

La triste verità è che il “Popolo della Rete”, che per anni abbiamo descritto come una anarchica e felice società virtuale di giusti, è composto da boccaloni, quando non da viralizzatori animati dai peggiori istinti populisti e xenofobi che, raccattate le zozzerie più infami dalla Rete, volontariamente le ritirano fuori dalla palude per profitto o, semplicemente, per seminare zizzania.

Ecco che in questo caso, con la triste formula del “Copia ed incolla sul tuo profilo ma non condividere” utile per nascondere le proprie tracce, sta circolando questo putribondo appello

Immigrati del Centro Profughi di San Bernardo sul Brenta! in rivolta perché la struttura è situata vicino ad un canile. Animale da loro considerato impuro. Condividi per far sapere chi stiamo ospitando.

Chi stiamo ospitando non so, ma so che chi sta condividendo questo appello è, nella peggiore delle ipotesi, qualcuno che diffonde coscientemente fake news intrise di xenofobia e nella migliore delle ipotesi un boccalone disinformato che prima preme il tasto Condividi e s indigna, e poi neppure si ferma a chiedere scusa della propria nociva dabbenaggine.

La foto che state esibendo è infatti un fotomontaggio di cui ci siamo occupati l’anno scorso.

Una sorta di perverso esperimento sociale nato, come dichiarammo all’epoca, quando un burlone di cui abbiamo oscurato il profilo nel nostro fact checking per evitare ritorsioni in suo danno decise di photoshoppare un’immagine con un cartellino contro i cani e darla in pasto, con la medesima didascalia che state vedendo ora, ad un gruppo Facebook appartenente ad una determinata area politica, Uniti contro i sinistri, per poi gloriarsi della sua creazione e degli effetti che aveva causato, attirando nei commenti ogni sorta di livoroso indignato e leone da tastiera.

La foto originale su cui la creazione del nostro burlone insiste è questa

Ed è tratta da questo articolo del 2010, del notiziario del New Jersey nj.com, che racconta le proteste e lo sdegno nella comunità islamica mondiale nata dalla proposta di un pastore protestante americano, tale Terry Jones, di bruciare copie del Corano in piazza in occasione dell’anniversario dell’attentato delle Torri Gemelle del 2001.

I protestanti ivi ritratti hanno infatti esibito questi cartelli di fronte all’ambasciata americana in Indonesia.

Come raccontammo all’epoca, ritenevamo la storia conclusa col colpo di teatro del burlone che, palesatosi, deride i boccaloni

Ma abbiamo evidentemente sottovalutato il bisogno di odiare della Rete.

Qualcuno ha deciso, credendo che dopo un anno la smentita fosse stata dimenticata, di ripescare la bufala originale ma senza la smentita: riattivando la stessa catena di condivisioni rabbiose e commenti rancorosi da parte di persone che neanche si sono rese conto che il Centro Profughi di San Bernardo sul Brenta non esiste.