BUFALA Cecilia Strada: “Sono in pochi, io ne farei arrivare molti di più, c’è posto” – bufale.net

0
591

Siamo alla nuova frontiera dell’indinniazione popolare: inventarsi frasi che qualcuno non ha mai detto, magari mescolandole ad altre astrattamente connesse e prendersela con qual qualcuno per aver detto cose che l’indinniato immagina siano state dette.

A questo turno tocca a Cecilia Strada, Emergency, vittima di un collage vintage

Cecilia Strada: Non vedo nessuna invasione e nessuna emegenza immigrati. Sono in pochi io ne farei arrivare molti piu c’è ne di posto!

Non vi pare un attimino strano che nella presunta citazione la prima riga sia scritta in un italiano comprensibile e la seconda parte sembri redatta da un cercopiteco idrofobo in preda ad una crisi epilettica o un indinniato speciale al quale è stata esibita la foto di un rapper di colore nel giardino di casa sua spacciato per un immigrato intento in empi bagordi pagati dai cittadini indinniati?

La cosa si spiega facilmente: solo la prima riga è una frase di Cecilia Strada, peraltro del 2015 e brutalmente strappata al suo contesto: la seconda parte è il parto della mente di un indinniato speciale in cerca di visualizzazioni facili.

Ed è anche un riassuntino rimaneggiato per venire incontro alle limitate facoltà mentali dell’indinniato medio. La frase originale recita:

E’ imbarazzante un Paese che dice di essere in ginocchio per colpa degli immigrati, così come lo è l’Europa che dice di essere invasa, quando ci sono solo un milione e settecentomila rifugiati contro 740milioni di abitanti

Ulteriormente aggiungendo

“I cittadini dovrebbero essere difesi da quanti soffiano su una guerra tra poveri, perché si cerca di convincere la gente che se non si arriva a fine mese è colpa di un eritreo o un siriano sbarcati ad Augusta o a Pozzallo. Questo fa davvero paura. Un sistema di accoglienza non dignitoso alimenta la paura”.

Ma il gioco degli Indinniati è palese: cercare lo scontro e, se non lo trovano, inventarselo.