ALLARMISMO E PRECISAZIONI Un ragazzo di Tortolì ha preso la meningite, chi era con lui verrà vaccinato

ALLARMISMO E PRECISAZIONI Un ragazzo di Tortolì ha preso la meningite, chi era con lui verrà vaccinato

Ci segnalano un post condiviso da circa 500 utenti, la maggior parte in territorio sardo, che fa riferimento a un caso di meningite riportato nelle ultime ore dagli organi di stampa:

Scusate fate girare questo SMS chi è stato il 31 alla discoteca Coco’ di Cagliari contatti l’ospedale di Lanusei o venga subito affianco allo Skipper a Tortolì e urgente Era un gruppo grande lui e contagioso e non altri ma per sicurezza fanno fare il vacino a chi è stato con lui e chi è stato li Un ragazzo di Tortolì ha contratto la meningite!!!!

Traduciamo, considerando la sintassi e la grammatica confusionarie del messaggio: si parla della vigilia di Capodanno (31 dicembre 2017). Un gruppo di ragazzi aveva partecipato all’evento presso il locale Cocò Discoclubbing di Cagliari e uno di essi, originario del capoluogo ogliastrino, ha contratto la meningite. Viene richiesto, dunque, di contattare l’ospedale di Lanusei o di recarsi presso il Ristorante Skipper di Tortolì. Si parla di un gruppo grande e il ragazzo viene indicato come contagioso. Chi dichiara di aver trascorso la notte con lui verrà sottoposto a vaccino “per sicurezza”. Il tutto viene descritto in maniera confusa, sgrammaticata e imprecisa. Si parla, inoltre, di SMS, dunque di sicuro il messaggio è stato traslocato da altre piattaforme.

In allegato al messaggio compare una foto che vi riportiamo sfocata:

Nasce una domanda, spontaneamente: perché diffondere un messaggio del genere con in allegato l’immagine di un ragazzo presentato come un mostro untore?

Il contagio è un fatto reale e riportato anche dall’Ansa in un articolo pubblicato questa mattina – 8 gennaio 2018 – alle 10:35:

(…) c’è un nuovo sospetto di meningite in Sardegna: si tratta di un giovane di Tortolì di 20 anni che è stato ricoverato nell’Unità operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Nostra Signora della Mercede di Lanusei, la cui prognosi è riservataI sintomi, secondo i medici, sono “riferibili alla meningite”.

Ancora:

Gli accertamenti diagnostici sono in corso al fine dell’individuazione dell’eventuale ceppo batterico – fanno sapere i dirigenti dell’azienda ospedaliera – Il paziente è sotto terapia e in continuo monitoraggio. Al momento, la prognosi è riservata”.

Infine:

Secondo gli esperti nell’isola non c’è nessun allarme meningite: “I dati dell’Istituto Superiore di Sanità – specificano ancora i dirigenti dell’ Ats – evidenziano un andamento omogeneo della curva epidemiologica della meningite in Sardegna dal 2011 al 2017 e che i casi si concentrano prevalentemente nei mesi invernali”. E il direttore del Reparto Malattie Infettive dell’Aou di Sassari Sergio Babudieri, ha sottolineato che “si tratta soltanto di casi sporadici“.

Troviamo riscontro anche su La Nuova Sardegna L’Unione Sarda che non fanno alcun riferimento all’evento di Capodanno del locale Cocò di Cagliari, e soprattutto non riportano le generalità del 20enne di Tortolì. Ciò che le fonti ufficiali riportano, dunque, è la notizia di un 20enne di Tortolì in prognosi riservata presso l’ospedale di Lanusei, con controlli diagnostici in corso e che presenta i sintomi sospetti e riferibili alla meningite.

Non è ancora un dato certo, dunque. Il post, invece, pubblica una foto di un ragazzo e diffonde allarmismo invitando chiunque fosse presente nel locale di Cagliari a correre all’ospedale per sottoporsi a vaccino.

Dobbiamo comprendere il motivo, ma preferiamo soffermarci sulla notizia e aggiornarvi in un prossimo articolo, precisando che le fonti ufficiali non riportano i dati personali del ragazzo. Tanto meno la foto, come arbitrariamente sta accadendo su Facebook in queste ore.