ACCHIAPPALIKE Raccontate al cerbiatto che la caccia è uno sport – bufale.net

0
518

Ci segnalano i nostri contatti una foto. Solo una foto, arricchita da varie didascalie

Chiunque la pubblica si dichiara certissimo di essere al cospetto di una cerva vittima della stagione venatoria ed il suo cucciolo.

Problema: i cervidi, tra cui i cerbiatti, nascono solamente tra maggio e giugno, mentre la stagione venatoria del cervo, peraltro cacciabile solo per selezione (vale a dire per motivi di controllo della fauna e scientifico-sanitari, previa abilitazione per esame, e solo dopo censimento degli esemplari sul territorio) avviene in autunno, generalmente ad ottobre, come avviene anche in altri stati, ad esempio gli USA, proprio per consentire alle cerve di sgravare e portare i cuccioli ad una età idonea per la sopravvivenza.

Il calcolo non torna: quel cucciolo è troppo piccolo per essere un cucciolo di giugno arrivato fino a settembre-ottobre.

Infatti la foto è priva di contesto logico, una specie di macchia di Rorschach dell'”attivismo da Facebook”, quella particolare disciplina che prevede il “clicca e condividi” come mezzo di depurazione di anime e coscienze che ci tormenta dal 2013, dalla sua apparizione sul sito iberico “Desmotivational”, ovvero “Immagini Demotivanti” col titolo Il cucciolo si stringe al corpo senza vita della madre chiedendosi perché essa non si risveglierà mai più.

Tanto è bastato perché questa foto facesse il giro della blogosfera

Vittima di un bracconiere, che, in quanto tale, non certo vincolato a particolari calendari venatori?

Vittima di un automobilista distratto che percorrendo una strada di campagna ha falciato un animale che attraversava sbucando dalla macchia?

Non lo sappiamo, e né interessava a chi ha composto il meme, desideroso solo di ottenere likes, e né interessa a chi lo condivide, certo come è delle sue ragioni e pronto ad accettare un meme offerto da uno sconosciuto come prova delle stesse.

Quel che è certo è che quella foto non raffigura gli esiti della caccia sportiva.